30 gennaio 2017

Peppa Pig party // Come creare la famiglia Pig con i pom pom di carta

gennaio 30, 2017 4 Commenti
Come avevo annunciato nell'ultimo post, oggi ho intenzione di mostrare un uso pratico dei pom pom di carta velina, che sì sono belli anche da soli, ma di certo ai bambini, per la loro festa di compleanno, piaceranno di più così: vestiti da famiglia Pig!

L'idea, come al solito, l'ho trovata su Pinterest, dove ho creato anche una board tutta a tema Peppa Pig!
Che cosa serve per fare Peppa Pig:
  • 8 fogli di carta velina rossa delle stesse dimensioni;
  • un filo;
  • forbici;
  • cartoncino rosa;
  • biadesivo;
  • pennarelli.

25 gennaio 2017

Come fare un pom pom di carta velina

gennaio 25, 2017 4 Commenti
Se dovessi scegliere il mio materiale preferito sceglierei la carta. Ultimamente la stoffa è una bella concorrente e il legno un elemento dove la mia curiosità lavora a più non posso, ma la carta, proprio lei, resta il mio amore indiscusso.
Mi piace per innumerevoli ragioni:
- è colorata;
- costa poco;
- si presta agli utilizzi più diversi;
- è molto variegata.

Oggi, per esempio, non è del "solito cartoncino" che ho intenzione di parlare, bensì della carta velina.
La carta velina ha bisogno di molta attenzione per essere lavorata, si rompe facilmente e difficilmente si rattoppa, ma ci si possono realizzare prodotti molto scenografici ed eleganti. 

Questi pom pom sono perfetti per creare addobbi a basso costo per una festa, ad esempio. E non sono neanche poi così complessi come sembrano.
Che cosa serve:
  • 8 fogli di carta velina delle stesse dimensioni;
  • un filo;
  • forbici.

23 gennaio 2017

Come fare un gufo amigurumi // Questa è la storia di Peppe il gufetto

gennaio 23, 2017 4 Commenti
Il pattern gratuito in italiano per creare Peppe il gufetto si può trovare qui.
C'era una volta un gufetto curioso, che aveva da poco iniziato a volare. 
Si sa che i gufi sono animali saggi e anche Peppe il gufetto, infatti, lo sarebbe diventato.
Di giorno la mamma gli leggeva tanti libri e di notte lo portava alla scoperta del mondo. Ma che cosa si poteva scoprire, in fondo, col buio? Peppe il gufetto non era felice di essere un animale notturno: i boschi li avrebbe voluti vedere di giorno, con la luce del sole, con tutti i loro colori. Sui libri leggeva che i prati erano verdi e il cielo azzurro, ma lui vedeva tutto, sempre, nero. 
Era stufo di quel buio.
Per giorni e giorni e giorni chiese alla mamma di poter volare di giorno, ma lei non gli disse mai di sì, continuava a ripetergli che non era quella la sua natura.

20 gennaio 2017

L'amante giapponese [Isabel Allende]

gennaio 20, 2017 0 Commenti
L'amante giapponese, ultimo romanzo di Isabelle Allende, non è una storia: è mille storie.
È la storia della passione tra Alma Belasco e Ichimei Fukuda. È la storia del loro amore, mai vissuto alla luce del sole eppure, forse proprio per questo, eterno. È un sentimento che sfugge alle leggi razziali, che sfugge al buon senso e alle affinità elettive, che sfugge alle leggi del tempo che passa, che non ha perché eppure dura, contro ogni convenzione e convinzione.

È la storia della famiglia ebrea dei Mendel, che la Shoah separa irrimediabilmente. I genitori tentano di salvare la loro bambina mandandola via dalla Polonia, fino all'America, dove l'attendono dei parenti facoltosi e generosi, i Belasco.

18 gennaio 2017

Come costruire una scatola per i colori con i rotoli della carta igienica

gennaio 18, 2017 4 Commenti
Potrei fingere di essere una zietta normale e dirvi che questa scatola per i colori fatta coi rotoli della carta igienica l'ho realizzata per la Piccolina di casa, potrei certo, ma a chi vogliamo prendere in giro?
Questa scatola l'ho pensata e creata per me, per cercare di mettere in ordine almeno un piccolo angolino della mia camera-laboratorio. E sapete una cosa? Funziona!

Se state cercando un modo davvero utile per riciclare i rotoli della carta igienica, questa scatola fa proprio al caso vostro, da quando l'ho fatta non riesco più a separarmene e, ovviamente, anche le bimbe di casa l'hanno amata all'istante. Per loro l'ho realizzata con una bellissima carta delle Principesse e di Dottoressa Peluche, per me mi sono mantenuta su un tranquillissimo azzurro, anche se con le Principesse Disney non mi sarebbe mica dispiaciuta!

Costruirla è davvero semplice!
Che cosa serve:

  • una scatola delle scarpe;
  • un foglio di carta regalo;
  • scotch;
  • forbici e taglierino;
  • colla a caldo;
  • tanti rotoli di carta igienica quanti servono per riempire tutta la scatola.

16 gennaio 2017

Guarda bello! // Capitolo 4 [Montepulciano]

gennaio 16, 2017 0 Commenti
Il nuovo anno non ha cambiato le (poche) buone abitudini che ho creato nel 2016 riguardo al blog, perciò il terzo lunedì del mese è ancora il giorno dedicato alla rubrica Guarda bello!
Guarda bello! è una raccolta di piccole ispirazioni non collezionate su Pinterest né salvate su Facebook, ma trovate semplicemente in giro. La rubrica nasce per raccogliere tutti quegli scatti, spesso non bellissimi, nati sull'onda di una meraviglia assoluta, sull'onda di un'improvvisa voglia di creare qualcosa di simile, sull'onda di un'ispirazione, di due occhi spalancati, di un'esclamazione: Guarda bello! Una rubrica che tenta, in questo tempo quasi soltanto digitale, di essere il più fuori dagli schermi possibile.
Oggi mi teletrasporto a due mesi fa, quando, il giorno dei santi, sono stata con Archimede a Montepulciano. Ci sarei voluta tornare anche a Natale per i mercatini, ma a causa dei troppi pranzi, delle troppe cene e dei troppi impegni con la proloco non ci sono riuscita. Sarà per il prossimo anno!
Intanto queste sono le ispirazioni trovate il primo di novembre.

13 gennaio 2017

L'arte di essere fragili [Alessandro D'Avenia]

gennaio 13, 2017 6 Commenti
Caro Giacomo,
chi l'avrebbe mai detto che ci saremmo incontrati di nuovo, io e te? Tu, che mi tenevi compagnia di nascosto durante le ore di chimica; tu che finivi nel mio diario più segreto con le tue parole malinconiche che mi sentivo cucite addosso.
Chi l'avrebbe mai detto, dicevo, che ci saremmo ritrovati in un inverno qualunque, una manciata di anni dopo il liceo? 

11 gennaio 2017

Biglietto d'auguri con l'escavatore

gennaio 11, 2017 2 Commenti
La terra non appartiene all’uomo, è l’uomo che appartiene alla terra. [Proverbio dei Nativi americani]
Archimede sostiene che io gli sia entrata in testa il giorno in cui venne a casa mia a fare dei lavori con l'escavatorino che aveva allora. Sinceramente, dato il mio rinomato cinismo, non ci credo mica. È vero che lui ha un senso del romanticismo piuttosto spiccato (tutto quello che manca a me insomma), però mi sembra alquanto improbabile che per due o forse addirittura tre anni io gli sia rimasta in testa.
Più che improbabile direi impossibile.

Per il suo primo compleanno trascorso insieme a me comunque ho pensato a un biglietto che si ispirasse proprio a questo fatto che lui narra con una voce da telenovela, come gli dico io. (Donne che sognate un uomo sdolcinato e romantico, sappiate che io ce l'ho e non lo sognavo!)
Che cosa serve:
- cartoncino celeste A5 per la base;
- cartoncino marrone, arancione, bianco e grigio;
- ritagli di cartoncini colorati;
- fiocchi;
- tre fermacampioni;
- pennarello nero;
- forbici, forbici ondulate e colla;
- brillantini adesivi.

9 gennaio 2017

Come cucire un paraspifferi

gennaio 09, 2017 0 Commenti
Rieccoci qui, in questo 2017 che ho tutta l'intenzione di rendere un anno importante; rieccoci qui con le pance piene e i buoni propositi di ginnastica e dimagrimento. A dir la verità non ho grosse pretese, non ho affatto l'intenzione di smettere di mangiare per diventare un'acciughina: mi piacerebbe soltanto riuscire a rientrare nel vestito rosso che vorrei indossare comodamente per un matrimonio, quest'estate. Da oggi, perciò, la parola d'ordine sarà: camminare!

Rieccomi qui, dicevo, con il primo diy del nuovo anno, il primo di molti, spero. Ho scelto di cominciare con una creazione molto semplice, siamo ancora tutti mezzi impigriti dalle feste, no? Meglio iniziare con calma a rimettere in moto le mani, con un progetto semplice per la casa: un paraspifferi handmade semplice e veloce.
Che cosa serve:
  • stoffa fantasia 130x30 cm (più il margine di cucitura);
  • nastrini;
  • imbottitura.

1 gennaio 2017

20 cose belle per un 2017 ottimista

gennaio 01, 2017 8 Commenti
Anno nuovo, nuovo blog. 
Ho preso questi primi tre mesi de L'Ely curiosa come un esperimento, un modo tutto mio, intimo e segreto, per guardare all'handmade da un'altra prospettiva, una prospettiva forse più matura, che fa capolino, per la prima volta, dietro l'infantile concezione dei lavoretti.
Ho preso gli ultimi tre mesi dell'anno appena concluso come un trampolino verso il futuro, ho iniziato a seguire artigiane esemplari, ho cominciato a osservarle, a studiare il loro modo di porsi, tante volte mi sono trovata davanti alle loro crezioni e ai loro shop col sorriso ebete che mi spunta quando una cosa mi conquista totalmente. 
Fin da piccola ho sempre fatto innumerevoli lavoretti, ma nel 2017 mi piacerebbe che le mie mani lavorassero spinte da una nuova speranza e da un nuovo progetto. Questo inizio dell'anno mi trova alle prese con un lavoro che finirà, causa probabilissima chiusura attività, perciò mi trova in una condizione ideale per ripartire da zero, o quasi. 

Ma andiamo con ordine.

Tra le innumerevoli professioniste legate all'handmade italiano che ho "conosciuto" ultimamente mi sono imbattuta in Francesca Baldassarri, che ha proposto un gioco molto carino per iniziare con ottimismo il nuovo anno: appuntarsi 10 cose belle accadute nell'anno passato e 10 cose belle che accadranno (ci piacerebbe accadessero) nell'anno appena cominciato.
Via, giochiamo!
Come dare una spinta all'ottimismo

Follow Us @soratemplates